La Medicina Estetica al tempo del Covid-19

  • Fondatori

    SecurityMed
  • Dott. Fabrizio Melfa

    dottormelfa@gmail.com | 3291972493
  • Dott. Bruno Bovani

    bovanibruno@gmail.com | 3493445736

Pubblicazione Survey Medicina Estetica in epoca di COVID-19:

 

Attitudes, Concerns, and Expectations of Consumers of Aesthetic Medicine and Surgery During the COVID-19 Outbreak: An Italian Online Survey

 

STUDIO MULTICENTRICO ITALIANO
“PAZIENTI E MEDICINA ESTETICA AL TEMPO DEL COVID-19”

Gruppo Italiano Securitymed

Fabrizio Melfa, MD – Bruno Bovani, MD – Pierfrancesco Cirillo, MD – Matteo Tretti Clementoni, MD – Alessandro Gennai, MD 

 

 

INTRODUZIONE

 

Il 31 dicembre 2019 la Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) ha segnalato all’OMS un cluster di casi di polmonite ad eziologia ignota nella città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei.

Il 9 gennaio 2020 le autorità cinesi hanno riferito, alla comunità scientifica internazionale, che è stato identificato un nuovo coronavirus denominato (SARS-CoV-2) come agente causale della malattia respiratoria poi denominata Covid-19. La Cina ha reso immediatamente pubblica la sequenza genomica che ha permesso la realizzazione di un test diagnostico in modo tempestivo.

Il 30 gennaio 2020 l’OMS ha dichiarato l’epidemia dip Coronavirus in Cina come emergenza internazionale di salute pubblica.

Il 28 febbraio L’OMS ha elevato la minaccia per l’epidemia di coronavirus al livello mondiale a livello “molto alto”.

Lo stato italiano l’8 marzo 2020, con un decreto legislativo del Primo Ministro del Parlamento, ha decretato il lockdown, quindi il confinamento a casa di quasi tutti gli italiani, quindi di sospendere le attività lavorative ed i trasferimenti per la pandemia legata al CODIV-19 o Coronavirus.

Questa scelta è stata fatta per fare seguito al “distanziamento sociale” doveroso e scientificamente il più valido metodo per il contenimento della diffusione virale.

 

I medici italiani, liberi professionisti nell’ambito della medicina estetica e chirurgia plastica, anche su raccomandazioni di alcune sezioni provinciali dell’Ordine dei Medici, di alcune Società Scientifiche e specifici decreti Regionali hanno ritenuto doveroso ed opportuno per motivi di etica e per evitare che i propri pazienti potessero rischiare contatti con altre persone, chiudere le loro strutture.

 

L’11 marzo 2020 il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha definito la diffusione del Covid-19 non più una epidemia confinata ad alcune zone geografiche, ma una pandemia diffusa in tutto il pianeta.

Il 13 marzo l’OMS ha dichiarato che l’Europa sta diventando il nuovo epicentro della pandemia. La stessa OMS ammette che la pandemia Codiv-19, oltre all’impatto sulla salute pubblica con esiti fatali sostanziali in gruppi ad alto rischio, potrebbe causare enormi perturbazioni economiche e sociali.

L’Italia, dopo la Cina, si è trovata per prima a dover affrontare i danni della pandemia Covid-19 avendo, nel giro di poche settimane, registrato una quantità incredibile di infettati, malati e decessi tanto da aver dovuto fare scelte drastiche come il lockdown e il blocco totale di quasi tutte le attività, per far seguito all’allontanamento sociale per contenere e ridurre il contagio.

Questa condizione mai vista a memoria d’uomo, nel giro di poche settimane ha visto altri Stati del mondo adottare le stesse scelte italiane e aver preso l’Italia come punto di riferimento.

Nell’ambito della medicina privata, nonostante non fosse obbligatorio la chiusura delle attività, se non nel caso della Regione Emilia Romagna, per etica e per necessità di salute pubblica si è determinata una chiusura totale delle nostre strutture nell’ambito della medicina estetica e chirurgia.

Giorno 8 aprile 2020, sulla piattaforma social FaceBook è nato un gruppo chiuso chiamato “La medicina estetica al tempo del Covid-19” che nel giro di pochissimi giorni ha visto confrontarsi oltre 1000 professionisti del settore.

Su questa piattaforma si è sviluppato un incredibile scambio di opinioni e di informazioni tale da portare alla messa in onda di dirette FB con interviste ad esperti nell’ambito di varie branche come quella medica, chirurgica, legale, assicurativa, sindacale, comunicazione, marketing e altro che hanno animato lo scambio di conoscenze, trovati da tutti i colleghi molto proficuo.

 

IL 24 aprile è stato posta in essere una Survey/Studio conoscitivo promosso da una faculty scientifica italiana costituta da medici estetici, chirurghi plastici, dermatologici e specialisti afferenti alla Medicina Estetica, coordinata dai medici sopra menzionati.

PROGETTO STUDIO SCIENTIFICO

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.